HEIDEGGER,L’INTRODUZIONE DEL NAZISMO NELLA FILOSOFIA (LIBRO)

 

HEIDEGGER,L’INTRODUZIONE DEL NAZISMO NELLA FILOSOFIA (LIBRO)

FONTE:http://www.ibs.it/code/9788864430478/faye-emmanuel/heidegger-introduzione-del.html

I rapporti di Heidegger con il nazionalsocialismo non sono riconducibili al temporaneo disorientamento di un uomo la cui opera filosofica continuerebbe a meritare ammirazione e rispetto -come molti ancora sostengono. Emmanuel Faye, senza mai separare riflessione filosofica e indagine storica, propone una lettura degli scritti di Heidegger che rivela quanto egli si sia impegnato per introdurre i fondamenti del nazismo nella filosofia e nell’insegnamento.

Nel suo seminario hitleriano dell’inverno 1933-34, Heidegger identifica il popolo con la comunità di razza e sostiene che sia necessaria per il III Reich una nuova nobiltà, esaltando l’”eros” del popolo per il Führer. Successivamente, dopo il 1935, il suo nazismo invece di affievolirsi si radicalizza: nel giugno 1940 presenta la motorizzazione della Wehrmacht come “atto metafisico”; nel 1941 definisce la selezione razziale come “metafisicamente necessaria”; infine, dopo la disfatta del nazismo, le sue prese di posizione sul nazionalsocialismo e i campi di sterminio andranno a nutrire i discorsi dei movimenti revisionisti e negazionisti. Con questa opera, già pubblicata in molti paesi e finalmente anche in Italia, Faye rende evidente il fatto che Heidegger, partecipando all’elaborazione della dottrina hitleriana e ponendosi egli stesso come “guida spirituale” del nazismo, invece che arricchire la filosofia ha distrutto, attraverso essa, ogni forma di pensiero e di umanità.

….

Autore:Emmanuel Faye

Traduttore Arra F.
Editore L’Asino d’Oro  (collana Le gerle)

I commenti sono chiusi.